0_bannerintestazioneA (17K)
logo (24K)

TERRA DELLE GRAVINE
Associazione culturale
per la promozione del territorio

PAROLE CHIAVE: immagini, rural landscape history, storia del paesaggio agrario, Taranto, Puglia, Italia meridionale, escursioni, gravine


PROGRAMMA ESCURSIONISTICO
AUTUNNO 2013

Domenica 10 novembre

Storia miti e leggende sui sentieri dei colli ostunesi
A piedi su e giù per i colli verso San Biagio in Rialbo, Santa Maria di Agnano e il santuario di Sant'Oronzo

a cura di Antonio Licciulli

San-Biagio (129K)

Con l'escursione di questa domenica inauguriamo una serie di visite ai siti rupestri del Brindisino avvalendoci delle conoscenze e dell'esperienza dell'associazione Cicloamici di Mesagne

La provincia di Brindisi ospita numerosi momenti della cosiddetta Civiltà Rupestre, ospitati in fenomenologie carsiche analoghe alle nostre lame e dotati di una rilevanza naturalistica, storico-artistica e culturale per nulla inferiori a quelle della nostra Terra delle Gravine.

L'escursione ripercorre 27.000 anni di storia immerse nella natura incantata delle murge Ostunesi.

Si andrà a piedi su e giù per i Colli di Ostuni, alla scoperta del Parco archeologico e naturalistico di Santa Maria D'Agnano, del santuario di S. Oronzo e della chiesa rupestre di S. Biagio. Presso la grotta di Agnano sono stati rinvenuti i resti della donna del Paleolitico inumata con il bimbo in grembo all'ottavo mese, insieme reperti dell'età del bronzo e delle civiltà preclassiche iapigio messapiche. La grotta di Agnano con la sepoltura rituale della donna paleolitica, il culto della dea Demetra in epoca messapica e infine e la riconversione in età cristiana, con un affresco cinquecentesco raffigurante la Vergine Maria, rappresenta una celebrazione dell'eterno fascino femminile dalla preistoria al XVIII secolo. Da Agnano si salirà su verso la cima dei colli lungo un sentiero tra ulivi secolari e querce per il santuario di S. Biagio. Il santuario costituisce uno degli esempi più interessanti di insediamento monastico basiliano delle Murge Meridionali e testimonia dell'influenza dell'oriente bizantino sulla Puglia lungo i secoli che vanno dal IX all'XI. La città di Ostuni, riconobbe in San Biagio, medico taumaturgo armeno del III-IV secolo il proprio patrono venerandolo finchè nel XVII secolo il patrono divenne S. Oronzo scevro da ogni contaminazione con i culti ortodossi. Il flusso dei pellegrini per San Biagio venne intercettato dal santuario di S. Oronzo risalente al 1657 che sarà visitato come ultima tappa del percorso escursionistico. Programma:

PROGRAMMA:

  • Ore 9: Partenza da ingresso del Palamazzola, lato Via Venezia
  • Ore 10: davanti al piazzale di ingresso al Parco Archeologico. Il Parco si raggiunge superando Ostuni percorrendo la SS16 in direzione Fasano per 1Km a partire dal distributore AGIP e imboccando la strada a sinistra con l'indicazione del parco archeologico naturalistico di Agnano.
  • Rientro previsto: ore 16 circa

Avvertenze

  • Difficoltà: Percorso di circa 8Km su sentieri e strade sterrate, difficoltà medio bassa
  • Attrezzatura occorrente: scarpe sportive comode, zainetto contenente acqua, giubbotto antipioggia, colazione a sacco, 3 euro per il biglietto di ingresso al parco

Info: Antonio Greco: 3282862121

PROGRAMMA ESCURSIONISTICO:

  • Domenica 24 novembre I Battendieri del Mar Piccolo
  • Domenica 1 dicembre Lungo le vie dei pellegrini verso il santuario della Madonna del Carmine.