0_bannerintestazioneA (17K)

VICI e PAGI TARDOANTICHI NELLA STORIA DEL PAESAGGIO AGRARIO DEL TARANTINO

PAROLE CHIAVE: Immagini, rural landscape history, tardoantico, insediamenti, vici, pagi, Medioevo, strade, villa rustica, feudalesimo, demani, villaggi, casali, chiese rupestri, chiese, paesaggio, storia,Taranto, Puglia, Italia meridionale, gravine, Civiltà Rupestre, edilizia rurale




L'Età Tardoantica assistette alla crisi ormai irreversibile del sistema amministrativo romano, centrato sulla città-territorio; per converso tornò in auge, sotto forma di nuclei rurali sparsi, noti come pagi e vici, la primigenia cultura insediativa di matrice italica.Tale organizzazione era stata annichilita, ideologicamente e fisicamente, dall'artificioso dominio, culturale e economico, imposto dalla polis e poi dalla civitas al suo territorio.

Questi insediamenti non costituivano meri aggregati di contadini dipendenti, in vario modo, dal potere di un dominus locale ormai stabilmente insediato nella sua villa; questi appaiono invece come organismi organizzati, che si scelgono propri rappresentanti, nominano propri protettori (patroni) e si pongono come diretti interlocutori, paritari con la villa e la civitas, del potere pubblico, che per converso li riconosce come essenziale componente del sistema amministrativo periferico.





Vici_Trinitapoli (38K)

La famosa Tavola di Trinitapoli (dal luogo di rinvenimento, in provincia di Foggia) risalente alla prima metà del V secolo, rappresenta l'emblema dell'importanza assunta dai vici e dai pagi tardoantichi non solo nell'organizzazione della struttura organizzativa, ma anche di qualla amministrativa

Dalla villa al vicus al casale

Nel processo di ristrutturazione insediativa tardoantica la villa rustica, ove risiedeva il dominus, svolse un’ importantissima funzione di polarizzazione.

Inizialmente i rapporti fra queste ed i vici furono molto stretti, anzi molti di questi nascevano proprio dalla delocalizzazione di strutture e di attività produttive una volta concentrate all'interno della villa: si pongono, quindi, accanto ad esse nella individuzione dei centri direzionali e di raccordo delle attività del latifundium.

Con il tempo e l'aggravarsi della crisi del sistema delle villae, particolarmente a seguito delle prime invasioni barbariche, il vicus finì con sostituirsi ad esse, talvolta sovrapponendovisi fisicamente.

A partire dai secoli VI-VIII, la rete vicanica si impose, ponendo le fondamenta per la creazione della rete dei casali medievali.

Insediamenti e strade

La distribuzione di vici e villae rispondeva alla struttura della rete viaria, profondamente ristrutturata dagli imperatori romani per finalità eminentemente militari. Essa rimaneva rappresentata nel Tarantino principalmente dalla via Appia, pure avviata in età tardoantica ad una lenta decadenza. Pur tuttavia essa continuò a svolgere una essenziale funzione di integrazione fra i centri di produzione (grandi e piccoli possessi terrieri, privati o pubblici), quelli di smistamento e quelli di imbarco e di commercializzazione. I vici sorgevano in genere lungo direttrici in stretta connessione con i principali assi viari, spesso anche in corrispondenza di stazioni (mutationes e stationes). Essi riunivano periodicamente i contadini migranti alla ricerca di lavoro, ma costituivano anche il punto di raccolta delle derrate alimentari destinate all’ annona romana.
GrottaglieSMMutata (26K) TarantoSPietroMutata (29K) vici_Mutata (4K)

Numerose sono nel Tarantino i riferimenti toponomastici alle Mutate. Corrispondono tutti a insediamenti di rilevante interesse archeologico, situati lungo importanti assi viari e connessi a luoghi di culto; intorno a questi siti sono sorti, nel corso dell'Età Moderna, masserie. Secondo alcuni coincidono con le mutationes dislocate lungo il cursus publicus romano, seondo altri alle metatae, luoghi nei quali i produttori dovevano ammassare le derrate alimentari destinate all'annona romana. Il rilievo di queste strutture è attestata dall'essere stato oggetto di apposita legislazione normativa

In alto, da sinistra: il santuario di santa Maria della Mutata, luogo di culto molto caro al popolo grottagliese; l'abbazia di san Pietro di Mutata sul Mar Piccolo, all'interno della masseria appartenuta alla nobile famiglia tarantina dei Marrese; la masseria della Mutata, ormai inglobata nel borgo occidentale della città, sorta intorno alla chiesa rurale di santa Maria di Mutata.
vici_Ferrara (12K)

In alto, Masseria Ferrara, nelle cui pertinenze è stato scavato scientificamente uno dei pochi vici noti nel Tarantino; in basso la masseria di san Pietro de Mutata sul Mar Piccolo, già sede di un'importante villa rustica tardo antica, e nelle cui adiacenze si ritiene abbia operato anche un vicus tardo antico-alto medievale

vici_Marrese (9K)


I primi usi comunitari

I vici costituivano strutture organizzative anche molto complesse. Come le villae, molti di essi ospitavano al loro interno attività artigianali ed industriali, fino a vere e proprie fonderie metallurgiche, assumendo a volte l’aspetto di villaggio autarchico, altre quello di centro specializzato.

A livello sociale sussisteva un elevato livello di coesione, fisicamente testimoniato da strutture comunitarie, come depositi del grano e grandi cisterne di acqua spesso rinvenibili al loro interno.
Il rapporto diretto e continuativo degli abitanti del vicus con il territorio di cui era parte, a sua volta per lo più rientrante all'interno di latifundia privati, è alla base della nascita di un insieme di consuetudini ed usanze che regolavano attività come l'utilizzazione delle risorse ambientali, la quantità di terra occupabile oppure il numero dei capi di bestiame immissibili nelle aree pascolative.

Fu proprio dal tacito riconoscimento da parte del dominus di tali norme non scritte che nacquero i vari corpus consuetudinari, che forgiarono la cultura del vivere il territorio da parte delle comunità occupanti. 

I vici rimanevano tuttavia appendici del potere particolaristico che il dominus andava stendendo nel suo latifundium, surrogando prerogative proprie dello Stato, come quella di protezione e difesa, personale e territoriale.

Vici e civiltà rupestre

Le recenti ricognizioni archeologiche vanno dimostrando con sempre maggior evidenza che fra le forme insediative regressive, nonché peculiari, del Tarantino tardoantico è possibile inserire  anche alcuni siti rupestri, come quelli nei pressi di Statte e di Grottaglie, per i quali va delineandosi una vera e propria fase tardoantica.

A questa stessa fenomenologia è legata anche la nascita e lo sviluppo delle prime chiese rupestri, l’origine di molte delle quali viene fatta risalire proprio ad età tardoantica. Iscrivendosi nel più generale fenomeno della proliferazione delle chiese rurali, queste vennero erette soprattutto da privati, talvolta riutilizzando preesistenti tombe a camera di Età Classica.

Vici_Scala (15K) Vici_Leucaspide (15K)

Sempre più spesso scavi sistematici consentono di retrodatare l'Età della Civiltà Rupestre al periodo tardoantico, come (da sinistra) nella gravina della Madonna della Scala (Massafra) ed in quella di Triglie (Statte-Crispiano).

Riferimenti bibliografici

Cagiano de Azevedo M.: Note su Taranto paleocristiana , in Puglia Paleocristiana III, Bari, 1975, pp. 59-68.
D’Andra F. - Mastronuzzi G.: L’isola di San Pietro in età tardoromana. Dati preliminari, in Mastronuzzi G. - Marzo P. ( a cura di): Le isole Cheradi fra natura, leggenda e storia, Taranto, 1999, pp. 87-112.
De Martino F.: Il colonato fra economia e diritto, in Storia di Roma, 3: L’età tardoantica. I. Crisi e trasformaioni, Torino, 1993, pp. 789-821.
De Robertis F.M. : Prosperità e banditismo nelle Puglie e nell’Italia meridionale durante il Basso Impero, in Studi di Storia Pugliese in onore di Giuseppe Chiarelli I, Galatina, 1978, pp. 197-231.
De Vitis S.: Insediamenti e problematiche dell'archeologia tardoantica e medievale nel territorio di Taranto (secc IV-XV), Taranto, 2003.
Folcando E: Il patronato di comunità in Apulia et Calabria, in (a cura di) M Pani: Epigrafia e Politica e società. Temi di antichità romane, III, Bari, 1994, pp 51-135.
Gasperini L.: Taranto tardo-imperiale e la sua cristianizzazione, in Settima miscellanea greco-romana, Roma, 1980, pp. 565-580.
Grelle F.-Volpe G.: La geografia amministrativa ed economica della Puglia tardoantica, in Atti del convegno Internazionale Culto e insediamenti micaelici nell’Italia meridionale fra tarda antichità e medioevo, Bari, 1994, pp. 22-81.
Jones A.: Il tramonto del mondo antico, Bari, 1972.
Modzelewski K: La transizione dall’antichità al feudalesimo, in Storia d’Italia Annali I: Dal Feudalesimo al Capitalismo, Torino, 1978, pp 8-132.
Sereni E.: Agricoltura e mondo rurale, in Storia d’Italia I: I caratteri originali, Torino, 1972, pp. 136-255.
Sirago V. A.: La Puglia nelle Variae di Cassiodoro, in Studi storici meridionali, VI (1986), pp. 131-157.
Vera D.: Forme e funzioni della rendita fondiaria nella tarda antichità, in Società romana e Impero tardoantico : I: Istituzioni, ceti, economie, Roma-Bari 1986, pp. 367-444.
Vera D.: Proprietà terriera e società rurale nell’Italia gotica, in Teoderico il Grande e i Goti in Italia, Spoleto, 1993, pp. 133-166.
Vogt. J.: Il declino di Roma, Milano, 1969.
Volpe G.: Contadini, pastori e mercanti nell’ Apulia tardoantica, Bari 1996.
Volpe G.: Sulle condizioni economiche della Puglia dal IV al VII secolo d.C.: alcune note quarant’anni dopo, in Archivio Storico Pugliese, XLV (1992), pp. 65-135.
VV.AA: Storia di Roma, Torino, voll. 3 *, 3**, Torino, 1993
VVAA: Società romana e impero tardoantico. Istituzioni, ceti, economie, voll 1-3, Roma-Bari, 1986.